Tutto quello che c’è da sapere sui caschi da moto

Velocità, adrenalina, strada aperta, vento fresco che ti soffia in faccia. Quando sei in moto, sei completamente immerso in questa atmosfera e senti assolutamente tutto.

Guidare una moto crea dipendenza in quanto combina piacere fisico ed emotivo.

Per ottenere il massimo dalla tua moto e godertela per gli anni a venire, non bisogna dimenticare la protezione per la testa.

Sì, il casco è senza dubbio l’equipaggiamento più importante che ogni motociclista dovrebbe avere. Poiché la maggior parte dei decessi in moto è causata da un trauma cranico, l’uso del casco è essenziale.

Pensaci: puoi perdere una mano o una gamba, ma continuare a vivere una vita appagante. Ma questo non funzionerà in caso di grave trauma cranico.

Questa è una dura realtà, ma qui devi essere onesto.

Dopotutto, il trauma cranico è in realtà la principale causa di morte negli incidenti motociclistici.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, gli incidenti motociclistici sono più frequenti degli incidenti automobilistici. Quando una motocicletta si schianta, il conducente non ha la protezione di un veicolo chiuso, quindi aumenta la probabilità di lesioni gravi o addirittura di morte.

In uno studio del 2017, i decessi per motocicli rappresentavano il 14% di tutti i decessi per incidenti stradali e più del doppio del numero di morti per motocicli nel 1997.

Non è tutto. Le statistiche mostrano che i caschi riducono la probabilità di morte di quasi il 37% e sono efficaci per il 67% nella prevenzione delle lesioni cerebrali.

La regola è: non trascurare i tuoi indumenti protettivi e una guida in sicurezza.

Il casco non solo protegge il conducente da lesioni alla testa, ma anche da detriti volanti che si frappongono, vento, luce solare o pioggia.

Tutto quello che c'è da sapere sui caschi da moto


DEVO INDOSSARE UN CASCO?

Secondo me, un casco da motociclista è l’equipaggiamento di sicurezza per moto più importante che tutti dovrebbero avere.

È necessario? Sì.

Perché le persone guidano senza casco, anche se sanno che non è sicuro?

La risposta più comune che ricevo dai motociclisti che preferiscono guidare senza casco è che il casco è molto scomodo.

In un piccolo sondaggio che abbiamo recentemente condotto tra i motociclisti che preferiscono guidare senza copricapo, abbiamo ricevuto le seguenti risposte:

1. A loro piace il modo in cui guardano al momento della guida. Pensano di essere più fighi senza casco.

2. Guidare senza casco ti fa sentire più libero.

3.Non credono che ci possano essere problemi durante il viaggio.

4. Spesso dimenticano di portare con sé un casco.

5. Guidare con il casco è piuttosto caldo, il che provoca disagio e difficoltà a respirare.

6. Vedono peggio.

6. Si rovinano i capelli.


QUALI ERRORI COMMETTONO SOLITAMENTE I NEOFITI QUANDO ACQUISTANO UN CASCO DA MOTO?

I principianti possono facilmente confondersi quando scelgono l’attrezzatura per guidare una moto. È molto importante non lesinare sugli indumenti protettivi. Caschi, giacche e stivali possono prevenire lesioni e persino salvare vite umane.

Ci sono tre regole fondamentali che un motociclista dovrebbe considerare quando acquista un casco.

Regola n. 1. La sicurezza viene prima di tutto.

Lo scopo principale di un casco da motociclista è proteggere la testa del conducente durante un impatto e prevenire lesioni. Assicurati che abbia anche la certificazione appropriata.

Prima di acquistare un casco, ti consiglio anche di ricercare le regole per l’utilizzo dei caschi da moto nel tuo paese.

Regola n. 2. Spendi i tuoi soldi per un casco.

I caschi da moto possono essere costosi, ma cerca di non contrattare qui perché la tua testa non ha prezzo. Prima di tutto, stai proteggendo il tuo cervello e tutta la conoscenza che ha accumulato negli anni. Quindi ora non è il momento di lesinare sulla qualità.

Regola n. 3. Taglia corretta del casco.

Il casco dovrebbe essere stretto ma non dovrebbe darti mal di testa. Pertanto, prima di acquistare, è molto importante considerare come si siederà su di te. Il casco deve aderire perfettamente alla testa in modo che non rimbalzi dall’interno e in caso di incidente il casco non rimbalza.

Non appena indosserai il casco, sentirai che i guanciali toccano entrambi i lati del viso senza sentire troppa pressione. Il casco dovrebbe essere il più stretto possibile e il più confortevole possibile.

È anche importante provare un casco da moto prima di acquistarlo per capire come si distribuisce il suo peso sulla testa.

Una volta trovato un casco che soddisfa tutti questi criteri, puoi dare un’occhiata alle altre fantastiche funzionalità che offre.

Tutto quello che c'è da sapere sui caschi da moto


PERCHÉ I CASCHI DA MOTO SONO COSTOSI?

I caschi da moto sono spesso costosi per una buona ragione. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i buoni caschi forniscono “un alto livello di protezione su tutto il loro perimetro”.

Bene. Ti stai chiedendo cosa ottieni per i soldi extra che spendi per un casco? Ottieni un materiale di rivestimento più confortevole, un peso più leggero, una migliore ventilazione e una migliore protezione dal vento quando guidi ad alta velocità e altro ancora.

Al momento dell’acquisto di un casco da moto verificare sempre la qualità e l’apposita certificazione (es. DOT, Snell, ECE 22.05).


TAGLIA DEL CASCO

Trovare il casco della taglia giusta è sempre complicato poiché le taglie variano in base alla marca. Alcuni caschi sono ottimi per una forma della testa rotonda, altri per una forma ovale.

Suggerirei di provare un casco da moto. Questo ti permetterà di capire come si posa su di te e di rilevare eventuali inconvenienti.

Il punto è che il casco dovrebbe adattarsi perfettamente, ma non causare mal di testa o dolore alla mascella. Ricorda inoltre che il casco si danneggia nel tempo. Consiglio di acquistare un casco un po’ stretto, piuttosto che il contrario, poiché il casco si allenterà nel tempo.


STANDARD DI CERTIFICAZIONE DEL CASCO

Prima di tutto, verifica sempre che il tuo casco abbia l’apposita certificazione. Le decalcomanie di certificazione si trovano spesso sul retro del casco.

Ci sono molti standard di sicurezza per i caschi da moto sul mercato e questo può sembrare strano ad alcuni. Non esiste un sistema valido per tutti per realizzare i caschi da moto più sicuri e i metodi e i requisiti di prova variano notevolmente da standard a standard.

In genere, in laboratorio, i caschi vengono testati per l’assorbimento degli urti, la penetrazione, l’assorbimento e la ritenzione degli urti.

Ci sono molte certificazioni per i caschi da moto in tutto il mondo, ma ti parlerò di tre standard più comuni.

SNELL

La Snell Memorial Foundation è un’organizzazione senza fini di lucro che valuta e certifica in modo indipendente la sicurezza dei caschi sportivi e di sicurezza industriale . Gli standard di Snell sono rigorosamente regolamentati e verificati. Pongono requisiti più elevati sulle proprietà protettive dei caschi rispetto, ad esempio, agli standard di certificazione DOT.

Per ricevere la certificazione Snell, un casco da motociclista deve soddisfare tutti i criteri in ciascuno dei seguenti test: protezione dagli urti, penetrazione, stabilità rotazionale, sistema di ritenuta e impatto sul mento.

Questa certificazione è volontaria e non richiesta da organismi internazionali. Gli standard di Snell vengono aggiornati circa ogni cinque anni per mantenere il livello di sicurezza più elevato possibile.

ECE 22.05

La Commissione economica per l’Europa (ECE 22.05) è la versione europea dello standard DOT, ma con test di impatto più severi eseguiti sul casco. Lo standard ECE 22.05 è altamente regolamentato, ben studiato e molto sicuro.

Gli standard ECE, come DOT, preferiscono i caschi ammortizzanti. I caschi sono anche testati per la penetrazione, la riduzione dell’impatto, la ritenzione e la visione periferica.

Questa certificazione del casco riconosciuta a livello internazionale è stata adottata in circa 50 paesi.


CHE NE DICI DI CASCHI INTELLIGENTI?

La tecnologia si evolve ogni giorno. Di recente abbiamo chiesto ai motociclisti cosa pensano dei caschi intelligenti.

Per la maggior parte, i motociclisti non vedono l’ora di questa nuova tecnologia. Pensano che i caschi intelligenti siano un concetto interessante, in particolare uno schermo head-up che mostrerà al guidatore la sua velocità e il percorso mappato, le coordinate GPS, le metriche e così via. “Poter vedere il percorso previsto durante la guida invece di guardare il navigatore sarebbe molto utile”, ha detto uno dei miei amici.

Tuttavia, alcuni altri motociclisti scoprono che lo schermo head-up può distrarre l’attenzione dalla situazione del traffico. Alcuni sono anche preoccupati per il peso del casco. “Con tutte queste caratteristiche, i caschi intelligenti possono essere ingombranti e pesanti”, ha affermato un intervistato.

Che ti piaccia o meno l’idea, sembra che i caschi intelligenti siano il futuro dietro l’angolo.

Shoei e Jarvish hanno recentemente presentato la loro versione di questo casco. Sia la Shoei IT-HT che la Jarvish X-AR saranno dotate di uno schermo head-up integrato che consentirà ai conducenti di accedere rapidamente alle informazioni di navigazione senza distogliere lo sguardo dalla strada.


CHE TIPO DI CASCO È GIUSTO PER ME?

In commercio esistono diverse tipologie di caschi: integrali, aperti, modulari e anche mezzi caschi.

Recentemente abbiamo chiesto ai motociclisti quali caschi preferiscono. Sorprendentemente i conducenti preferiscono i caschi integrali e modulari.

Il fatto è che in un tale casco durante la guida, il viso e gli occhi sono sempre protetti da pioggia, vento, pietrine e altri detriti pericolosi. Ecco perché consigliamo vivamente di indossare un casco integrale.