Con quale frequenza è necessario cambiare l’olio nel motore di una moto e quali fattori lo influenzano?

Ogni quanto tempo devi cambiare l’olio del motore della tua moto? La risposta a questa domanda non è così ovvia come sembra nelle istruzioni per l’uso … Dopotutto, le condizioni di questa stessa operazione possono differire, e in modo abbastanza significativo, a partire dalla regione di utilizzo dell’attrezzatura e terminare con lo stile di guida di un determinato proprietario.

Inoltre, anche l’infrastruttura stradale è di notevole importanza (confronta, ad esempio, le autostrade illimitate in Germania e la rete stradale in Carelia, dove le strade sterrate sono abbastanza comuni).

L’astina di livello dell’olio e il vetro spia nel carter della tua moto saranno preziosi aiutanti in questa delicata questione. Oppure un tubo trasparente, come avviene su alcuni modelli di moto KTM.

Con quale frequenza è necessario cambiare l'olio nel motore di una moto e quali fattori lo influenzano?

Quando hai davvero bisogno di cambiare l’olio motore della tua moto?

La valutazione visiva delle condizioni dell’olio riempito e del grado del suo consumo è ancora il mezzo di controllo migliore e più sicuro. In effetti, a volte il computer di bordo ti informa ottimisticamente sul prossimo cambio dell’olio solo dopo 5000 chilometri e davanti ai tuoi occhi vedi una sostanza nera al segno “Min” dell’astina di livello dell’olio.

In teoria, tutto è semplice: ci sono raccomandazioni sulle piante e quindi è necessario rispettarle … Ma spesso questo non è del tutto vero, perché questi calcoli sono validi per alcuni, chiamiamoli, diciamo, condizioni ideali per i carichi su il motore a scoppio – giri medi del contagiri, valvola a farfalla non completamente aperta, assenza di surriscaldamento del motore.

Ma tali condizioni di serra non sempre coincidono con quelle reali: è necessario non solo seguire distrattamente le istruzioni di fabbrica, ma procedere da fattori oggettivi e, se necessario, ridurre i tempi di cambio dell’olio.

Guidare su terreni montuosi o molto polverosi, giri in enduro o scatti quotidiani in città su moto sportive con lo svitamento del contagiri nella zona rossa e l’equilibrio sulla ruota posteriore, strisciando premuroso negli ingorghi con una ventola di raffreddamento costantemente accesa – questo non è un completo elenco delle situazioni che non coincidono perfettamente con quelle verificate dai marketer con i dati del libretto “ufficiale” dello stato di salute della tua moto.

A proposito, anche la storia con chilometraggio ridotto e funzionamento parsimonioso ha le sue sfumature. Dopotutto, l’olio è un composto chimico che può ossidarsi e degradarsi nel tempo, quindi anche se non hai “srotolato” i chilometri prescritti, dopo un anno deve essere sostituito.

Sì, nei moderni oli costosi, come ad esempio oli semisintetici e sintetici Elf , la proporzione di polialfaolefine (PAO) o esteri nella composizione può raggiungere il 15-20%, hanno eccellenti proprietà viscose e lubrificanti, ma il loro anche la risorsa è finita… Quindi è ingenuo credere che dopo 10.000 chilometri di corsa le loro proprietà non siano cambiate in alcun modo.

Una piccola spiegazione: le polialfaolefine sono composti di idrocarburi sintetici. Gli oli sintetici a base di polialfaolefine hanno un alto indice di viscosità, non contengono molecole di paraffina lineare, ma le proprietà lubrificanti delle polialfaolefine sono basse, quindi vengono utilizzate solo come uno dei componenti nella creazione dell’olio.

Gli esteri sono esteri che si ottengono per esterificazione di acidi carbossilici con alcoli, ottenuti per idrolisi di oli vegetali (olio di colza o di cocco copra).

Il principale vantaggio degli oli con esteri è la resistenza del film d’olio formato da un lubrificante a base di esteri, che è di 22.000 kg per centimetro quadrato. Questo è molto più alto di quello degli oli PAO (oli sintetici convenzionali).

Quindi quando è necessario cambiare l’olio motore di una moto?

Gli intervalli di cambio dell’olio del motore della motocicletta, come discusso sopra, possono variare notevolmente. Se NON si dispone di attrezzature sportive soggette a sovraccarico, in cui il cambio dell’olio dopo ogni gara è un evento comune, è meglio mantenere l’intervallo medio di manutenzione nella regione di 5000-7000 chilometri. Qualunque siano le etichette della fabbrica sono scritte lì.

Un’altra domanda è che gli oli perdono alcune delle loro proprietà con questo chilometraggio. E le stesse “prese d’aria” di grandi volumi non amano molto il surriscaldamento, dopo di che anche l’olio di altissima qualità sarà adatto solo per una cosa: la sostituzione immediata.

In ogni caso, il carburante mediocre (e ce n’è ancora abbastanza nei nostri spazi aperti) forma depositi carboniosi durante la combustione, ossidazione graduale dell’olio, esaurimento degli additivi … Tutto ciò porta a maggiori carichi sul gruppo pistone, sulle unità di trasmissione e , di conseguenza, a una diminuzione della risorsa …

La cosa principale da capire quando si chiede la frequenza dei cambi d’olio sono quattro aspetti principali di cui, infatti, l’olio è responsabile.

  • Direttamente, lubrificazione delle superfici di sfregamento.
  • Raffreddamento delle parti, perché i motori delle moderne bici sportive girano facilmente fino a 16.000 giri/min. Inoltre, spesso nei sistemi di raffreddamento delle motociclette (non solo sportive) è presente anche un radiatore dell’olio, attraverso il quale l’olio, una volta raffreddato, rifluisce verso le parti soggette a carichi di attrito.
  • Protezione delle parti del motore dalla corrosione, poiché indipendentemente dal fatto che il motore sia in funzione o meno, l’umidità vi penetra sia dall’esterno che a causa della combustione del carburante.
  • Pulizia del motore da prodotti di usura di parti di sfregamento e altre particelle solide che entrano nell’olio e vengono consegnate al filtro dell’olio per la pulizia. E ad essere onesti, più spesso puoi cambiare l’olio motore nel motore, meglio influenzerà la sua longevità.

È vero, le nuove motociclette dopo una o due stagioni cambiano spesso proprietario e, conoscendo in anticipo tali prospettive, il primo proprietario può risparmiare sulla frequenza del cambio, sapendo benissimo che la risorsa motore sarà sufficiente per la sua parte.

Cosa succede se gli intervalli di cambio olio vengono “allungati” il più possibile?

Uno dei problemi più seri può essere l’avviamento dei cuscinetti di biella. Più l’olio motore è stanco, più velocemente i passaggi dell’olio si intasano. Carichi eccessivi, il che significa riscaldamento, sono esposti alle boccole della biella, il che porta al loro avviamento.

Certo, questo è un caso estremo, ma una risorsa “piantata”, meno compressione e potenza sviluppata, maggior carico termico risparmiando sui cambi dell’olio motore saranno i compagni garantiti della tua unità di potenza.

In tali scenari, ogni successivo proprietario corre grandi rischi, quasi come in uno schema piramidale, su uno dei prossimi depositanti “fortunati” la catena della fortuna finirà. Questo è il motivo per cui lo shopping aftermarket è sempre una lotteria e perché paghiamo più del dovuto per le nuove attrezzature.