I tre Pick-up che consumano più benzina

In un momento in cui i prezzi della benzina e del gasolio hanno raggiunto dei livelli davvero improponibili, è logico farsi alcune domande che riguardano le possibilità di risparmiare denaro e quali veicoli, invece, si rivelano delle vere e proprie “macchine mangia soldi”.

I pick-up sono solitamente vetture costose a causa delle dimensioni dei loro telai e dei materiali di cui sono composti.

Oggi vogliamo farvi conoscere quali sono attualmente i tre pick-up dal consumo di carburante più elevato, attualmente in commercio.

Se volete risparmiare denaro, forse fareste meglio a non utilizzarli, anche se si tratta di vetture indubbiamente bellissime!

I tre Pick-up che consumano più benzina
Foto: Cortesia Chevrolet

La Chevy Silverado 1500 V6 MPG del 2021

Il modello base riesce a percorrere circa 10 chilometri con un litro in città e 14 in autostrada.

Il problema sorge però quando i consumatori optano per il motore V6. In questi casi, infatti, i consumi aumentano notevolmente, passando ad appena poco più di 6 chilometri in città con un litro e circa 8 in autostrada.

La Chevy Colorado ZR2 del 2021

Al giorno d’oggi l’industria automobilistica pulita ed ecologica sta diventando molto più presente, rispetto a qualche anno fa. Questo modello, purtroppo, non rispecchia minimamente le caratteristiche richieste per ridurre le emissioni di carbonio e oltretutto consuma anche moltissimo carburante.

Il Colorado ZR2 ottiene solamente 7 chilometri a litro, sfruttando il suo motore V6 da 3,6 litri.

La Toyota Tundra 4WD del 2021

Questo modello passerà alla storia come l’ultimo modello prima di una importante riprogettazione. Dopo tredici anni, la Toyota ha finalmente aggiornato il suo modello con la versione del 2022.

Il modello dell’anno precedente è sicuramente una delle Tundra più assestate, grazie alle sue quattro ruote motrici ed una trazione integrale fantastica… purtroppo però anche i suoi costi sono eccezionali, e riesce a percorrere meno di 6 chilometri con un litro di benzina, quindi, con gli attuali costi, ogni mese saranno richiesti centinaia di euro solamente per riuscire ad utilizzarla per spostarsi di pochi chilometri in città.