Ecco il record di parcheggio parallelo in sbandata

Parcheggiare con il freno a mano o fare retromarcia a tutta velocità? C’è qualcuno che lo fa. Ecco un VIDEO dal Guinness dei primati.

Quando ha fatto l’esame per la prova pratica della patente, le è stato chiesto di parcheggiare? Diciamo che il parcheggio non è facile per i principianti. Tuttavia, come ogni cosa, richiede non solo attenzione, ma anche un po’ di pratica.

Ecco il record di parcheggio parallelo in sbandata

Le manovre devono essere eseguite lentamente, con cautela e attenzione. Qui, è forse opportuno dimenticare queste parole di fronte alle straordinarie abilità dei “maestri del parcheggio” che sono entrati nel Guinness World Record nel video qui sopra.

Parcheggio stretto? Nessun problema!

Cominciamo con i camion, veicoli molto pesanti e quindi più difficili da manovrare in spazi ristretti. Lo stunt driver cinese Zhang Hua è riuscito a stabilire il record di parcheggio parallelo per questa categoria, riuscendo a posizionare un camion con solo 90 cm di spazio rispetto alle dimensioni del veicolo.

Se parcheggiare così sembra quasi impossibile, pensate di farlo arrivando perpendicolarmente a tutta velocità al contrario. Il britannico Alistair Moffat, solo 34 cm più lungo della precedente Mini, è stato sufficiente per rivendicare il record per il più stretto parcheggio parallelo fatto durante la guida in retromarcia.

La piccola auto britannica è anche la protagonista del triplo record di parcheggio parallelo, un’impresa che è completata con solo 60 cm più spazio della lunghezza totale delle tre Mini. A questo proposito, hanno portato il concetto ancora più lontano in Cina, riuscendo a parcheggiare tre auto allo stesso tempo con 59 cm di spazio disponibile.

Ancora una volta il protagonista, Alistair Moffat ha fatto abbastanza 99 cm in più dell’Abarth 124 Spider per prendere il record di parcheggio parallelo in sbandata, così come è stato in grado di conquistare il primato di guida di una Fiat 500C essendo solo 7,5 centimetri più lungo della macchina stessa. Tu, invece, come fai ad affrontare il parcheggio? Pensate a quando non c’era nemmeno il servosterzo: i bicipiti e i tricipiti dei lottatori di sumo!