Come funziona il NOS in un’auto?

Quante volte nei film o nei videogame abbiamo visto dei veicoli prendere letteralmente il volo utilizzando il NOS?

Per gli amanti del brivido della velocità esistono molti metodi per migliorare le prestazioni dei propri mezzi, ottenendo maggiore potenza, forza e velocità.

Sicuramente utilizzare il protossido di azoto (NOS) è uno di questo.

Come funziona il NOS in un'auto?

Cos’è il protossido di azoto?

Questo prodotto è un gas incolore e non infiammabile, caratterizzato da un odore leggermente dolciastro.

È anche conosciuto come gas esilarante, per via degli effetti euforici che riesce a provocare in coloro che lo inalano.

Il NOS funziona per il nostro motore come una vera e propria iniezione di potenza, che si traduce in una migliore raccolta di energia dalla combustione del carburante e quindi l’auto ottiene una spinta maggiore.

Come funziona il NOS in un'auto?

Ma come funziona l’azoto?

Questo prodotto è composto da due parti di azoto e una parte di ossigeno. Quando il protossido di azoto viene riscaldato a una determinata temperatura, si divide in ossigeno e azoto. Quindi l’iniezione del protossido di azoto nel motore si trasforma in un maggior quantitativo di ossigeno disponibile, durante la combustione. Grazie ad essa, il motore può quindi assorbire un quantitativo maggiore di carburante e generare più potenza.

Inoltre, quando il protossido di azoto pressurizzato viene iniettato nel collettore di aspirazione, raggiunge la temperatura di ebollizione e quindi evapora. Di conseguenza, fornisce un significativo effetto di raffreddamento sull’aria di aspirazione. Con l’effetto di raffreddamento la temperatura dell’aria aspirata viene ridotta tra i 60 e i 75°F. e questo a sua volta, aumenta la densità dell’aria e di conseguenza fornisce una maggiore concentrazione di ossigeno all’interno della bombola, generando ulteriore energia.

Secondo gli standard, ogni riduzione di 10°F. della temperatura della carica di aspirazione, provoca un aumento dell’1% della potenza, e quindi un motore da 350 CV con un calo della temperatura di 70°F guadagnerà circa 25 CV in più, dal solo effetto di raffreddamento.