L’auto elettrica Rimac C_Two sfida la Porsche Taycan Turbo S in questo video

La Rimac C_Two è una delle supercar elettriche più promettenti sul mercato: 1.940 CV e 2.300 Nm di coppia per uno 0 a 100 km/h di circa 2 secondi. Maté Rimac, il suo creatore, ha voluto mostrare al mondo cosa significano queste cifre in una dimostrazione pratica: una gara di accelerazione di un quarto di miglio (circa 400 metri) contro una Porsche Taycan Turbo S.

Su una pista d’aeroporto in disuso, la stessa dove si è fatto un nome con la sua BMW E30 elettrica, Maté Rimac ha messo una delle cinque Rimac C_Two di pre-produzione che sta costruendo, prima di iniziare a costruire le auto per i clienti in giugno, attraverso una serie di test di accelerazione.

L'auto elettrica Rimac C_Two sfida la Porsche Taycan Turbo S in questo video

E il risultato è un quarto di miglio, con partenza da fermo, superiore a quello della Bugatti Chiron. Il gioiello di Molsheim lo fa in 9,4 secondi, superando i 403 metri ad una velocità di 254 km/h (155 mph). La supercar croata esegue lo stesso esercizio in 8,94 secondi a 250 km/h (155 mph). Per quanto riguarda lo 0-60 mph (0-96 km/h) lo fa in 2,3 secondi.

Ma più che le cifre grezze, l’idea di ciò che rappresentano si apprezza quando si contrappone alla Porsche Taycan Turbo S, una delle auto elettriche più veloci sul mercato con 761 CV e un tempo 0-60 km/h di 2,8 secondi. Contro la Rimac, è come se la Taycan si fermasse, come se avesse l’accelerazione di una Dacia Spring.

Più veloce di una Bugatti Chiron senza che l’auto sia stata completata.

La parte più folle di tutto questo? La pista era piuttosto sporca e Maté Rimac sostiene che il prototipo C_Two mostrato qui funzionava solo all’85-90% della sua piena capacità di potenza. Questo significa che la versione di produzione sarà ancora più veloce.

Oltre a mostrarci chi è il più veloce, Maté Rimac ci mostra un po’ gli interni e le modalità di guida disponibili e, soprattutto, cosa significa per la telemetria avere un’auto connessa. Puoi vedere immediatamente come e dove è stata erogata tutta la potenza, anche in una vista 3D della pista.

Per inciso, la Rimac ha iniziato il test con l’82% di batteria, e alla fine delle dieci accelerazioni era ancora al 60%. La Rimac C_Two è dotata di una batteria da 120 kWh che le darebbe un’autonomia di 600 km.