Cos’è un carburatore ea cosa serve?

Avete mai sentito parlare di carburatori? È ancora usato sulle moto vendute in alcune regioni del mondo, ma è stato completamente eliminato dalle auto e dai veicoli commerciali leggeri qualche tempo fa.

Il carburatore è un elemento che fa parte del passato delle automobili, ma cos’è e a cosa serve?

Ancora apprezzato dai nostalgici o dagli appassionati di vecchi modelli, il carburatore è stato responsabile dell’alimentazione dei motori a ciclo Otto per decenni, dai primi tempi dell’automobile fino alla fine del secolo scorso (nelle automobili).

Con più di 100 anni di prestazioni nei motori a combustione interna delle automobili, questa attrezzatura meccanica è abbastanza particolare.

Cos'è un carburatore ea cosa serve?

Inventato da Samuel Morey nel 1826, il carburatore fu brevettato da Siegfried Marcus nel 1872 e fu adottato da Karl Benz, Gottlieb Daimler e Wilhelm Maybach nelle loro prime automobili. Le ultime auto con carburatori furono il furgone Mitsubishi Express del 2003 e i modelli Lada fino al 2006.

Il regno del carburatore sui motori a benzina, metano e alcool ha avuto la sua fine annunciata con l’emergere dell’iniezione di carburante negli anni 60, ancora azionata meccanicamente, ma più tardi elettronica.

Singolo, doppio o gestito elettronicamente, questo dispositivo essenzialmente meccanico è il soggetto di questo articolo. Scopriamo di più su cos’è e a cosa serve.

Cos’è un carburatore e a cosa serve?

Il carburatore è un dispositivo meccanico installato nei motori a ciclo Otto, sia a 2 che a 4 tempi. Nei motori a ciclo Diesel, per esempio, si usa la pompa d’iniezione o il sistema Common Rail, poiché il processo di accensione è per compressione e non per scintilla.

Nel caso del carburatore, è utilizzato per fornire la miscela aria-carburante, che sarà inviata alla camera di combustione, dove l’accensione avviene per scintilla (attraverso una candela), verificando così l’esplosione nei tempi di funzionamento del motore.

Oltre alla miscela aria-carburante, il carburatore è responsabile della regolazione di questa miscela per mantenere il motore senza problemi.

Questa regolazione non può essere fatta dall’attrezzatura (tranne che nel cosiddetto carburatore elettronico), essendo fatta manualmente da un meccanico esperto.

Il carburatore può avere uno, due o più corpi, come si chiamano le camere dove l’aria entra e si mescola con il carburante.

Nella strutturazione di un carburatore ci sono due parti principali. Uno è dove l’aria, filtrata dall’elemento di carta (in passato si usava l’olio), viene aspirata nel motore.

L’altra parte è dove entra il carburante. Anche se questo è stato filtrato nel tubo di alimentazione proveniente dal serbatoio, tirato da una pompa meccanica del carburante e incorporato al motore, passa attraverso un ultimo processo di filtraggio all’interno del carburatore prima di essere condotto a un ago di iniezione, guidato da un galleggiante. Questo è presente all’interno del serbatoio, che è pieno di carburante.

Miscelazione con l’aria

Con il carburante già nel serbatoio, che fondamentalmente non trabocca a causa dell’ago di regolazione, attaccato al galleggiante, l’aria atmosferica viene aspirata dal pistone del motore.

L’aria non entra sotto pressione e quindi è necessario un restringimento, chiamato Venturi. Nelle automobili, la valvola a farfalla era di solito usata.

Poi, l’aria accelerata viene nuovamente compressa all’interno del diffusore, dove si incontra con un dosaggio specifico di carburante, che è stato inviato dalla tazza a questa parte del carburatore.

Questa miscela ha luogo lì e la sua quantità è regolata da una valvola, chiamata “farfalla”, alla base del dispositivo. Questa parte mobile è collegata direttamente all’acceleratore del veicolo.

Così, più è aperto durante il funzionamento, maggiore è l’accelerazione, con un aumento della rotazione fino a raggiungere il punto di massima potenza e coppia, quando il loro regime inizia a cadere.

L’acceleratore innesca anche una pompa per pompare più carburante dal serbatoio nel diffusore. Quando il motore è al minimo, l’acceleratore è chiuso.

In questo caso, c’è un ago che regola il passaggio dell’aria e del carburante in un dosaggio molto piccolo, giusto per mantenere il minimo. Quando l’accelerazione inizia, ritorna al processo precedente.

Il carburatore ha all’interno del suo corpo sia diffusori di carburante che di aria, che sono regolabili sul lato esterno dell’apparecchiatura, dove il meccanico o una persona esperta regola l’ingresso di aria e carburante, bilanciando la miscela per avere le migliori prestazioni.

Questa miscela è nella proporzione di 14 per 1 di aria e carburante, rispettivamente, quando è benzina. Con l’alcol, il rapporto è di 9 a 1.

Essendo un sistema meccanico, non c’è modo di bilanciare queste diverse proporzioni e quindi il carburatore funziona solo con un tipo di carburante. Le sue parti interne del kit sono specifiche per ciascuno.

Carburatore a doppio corpo

Un carburatore a doppio corpo, usato in passato sulle auto più performanti e poi standardizzato, ha due diffusori d’aria e due farfalle. Così, viene generato un maggiore vuoto e, di conseguenza, una maggiore potenza e coppia.

Generalmente, però, questo tipo aveva due stadi, il primo a bassi regimi e il secondo andando in alti regimi. Questo riduce il consumo di carburante. C’erano carburatori tripli o quadrupli (come il famoso Quadrijet), tra gli altri.

Cos'è un carburatore ea cosa serve?

Carburatori per moto

Nelle moto, per esempio, l’aria è ammessa da un lato del carburatore, dopo essere passata attraverso il filtro, attraversando il Venturi attraverso una regolazione fatta da un pistone, attaccato all’acceleratore.

Quando è sollevato, l’aria che accelera si mescola con il carburante espulso dal diffusore, mescolandosi così con l’aria ed entrando nella camera di combustione attraverso un collettore di aspirazione molto corto.

Carburatore elettronico

Controllato da una centrale elettronica, questo tipo di carburatore era un tentativo di ridurre i costi più elevati dell’adozione dell’iniezione elettronica.

Questo è successo in Brasile negli anni ’90, poco prima che l’iniezione fosse diffusa nel paese. Con la presenza di sensori di rotazione e di temperatura, per esempio, il comando riceveva questi dati e li passava al carburatore.

Quindi, l’azionamento del carburatore, pur essendo meccanico, aveva la regolazione della miscela fatta in base a questi dati. Tuttavia, la tecnologia non è andata avanti, e l’iniezione elettronica è stata presto adottata.

Vantaggi e svantaggi del carburatore

A causa del suo funzionamento meccanico, il carburatore non trova mai la regolazione perfetta tra la miscela aria-carburante, in vari regimi di lavoro, come nell’iniezione elettronica.

Inoltre non soddisfa più gli standard di emissione. Tuttavia, ha alcuni vantaggi. Essendo un dispositivo semplice, è più facile da produrre e il suo costo di manutenzione è inferiore. Inoltre, è di dimensioni compatte e utilizza poca energia dal sistema elettrico dell’auto.